sabato 11 dicembre 2010

Giornata Mondiale Migrazioni 2011 Genova, 16 gennaio 2011


Il 16 gennaio 2010 si celebra la 97ma Giornata Mondiale delle Migrazioni che ha per tema "Una sola famiglia umana".La celebrazione sarà presieduta dal card. Angelo Bagnasco dalla Cattedrale di Genova. La Giornata, voluta da Pio X nel 1914, è la più antica, ma è ancora oggi più attuale che mai.
La sua attenzione e la sua preghiera infatti sono rivolte non solo agli emigrati italiani, ma anche a tutte le altre persone coinvolte nella mobilità umana e precisamente agli immigrati e profughi, ai rom e sinti, ai fieranti e circensi, ai marittimi e agli aeroportuali.


http://www.chiesacattolica.it/pls/cci_new_v3/V3_S2EW_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=16405&rifi=guest&rifp=guest

mercoledì 1 dicembre 2010

...per la convivialità delle differenze....


Inglese, Francese, Spagnolo, Arabo, Portoghese, Albanese, Farsi, Pashtun, Urdu, Hindi,Amarico, Cinese, Russo, Somalo, Tigrigno, Serbo-croato, Kurdo... SE PARLI O STUDI UNA DI QUESTE LINGUE E VUOI VIVERE UN'ESPERIENZA DI VOLONTARIATO NEL SETTORE IMMIGRAZIONE, CONTATTACI!!!!!




ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO
K A R I B U N I
--------------------- e-mail: associazione.karibuni@gmail.com
---------------------------------- tel. 347.40.93.205

venerdì 19 novembre 2010

Duro colpo al volontariato e al terzo settore. Il Governo taglia il 5 x 1000




"Il volontariato produce, certo, beni materiali di aiuto e di sostegno al disagio, alla malattia, alla disabilità, alla dipendenza. Ma, proprio per la capacità di superare i confini di una solidarietà spontanea, familiare e amicale, esso produce pure beni immateriali, comportamenti virtuosi, esempi e modelli degni di essere imitati. [...]
Così il Presidente Napolitano salutava il mondo del volontariato.

La Camera dei Deputati ha votato oggi la legge finanziaria per il 2011, dove con il maxi emendamento del Governo, è stato reinserito il 5 per mille, ma ridotto ad un quarto, cioè con un tetto di 100 milioni anziché di 400 come in precedenza.
In questo modo quasi quindici milioni di cittadini contribuenti che hanno scelto di sostenere il volontariato e il Terzo Settore con il 5 per mille, vengono traditi nella loro libera scelta. E’ grave che il volontariato subisca questo taglio così drastico, pur in una manovra economica segnata duramente dalla crisi.
In un paese dove aumentano i cittadini in stato di bisogno, l’impegno del Volontariato e del Terzo Settore è sempre più essenziale per superare l’emergenza sociale e per rinforzare la coesione sociale.
Questo avviene in quadro già gravato dai tagli ai fondi delle politiche sociali: dai 1.472 milioni di euro del 2010 ai 349,4 del 2011, pari a – 76%: sono i fondi per i servizi sociali dei Comuni, spesso realizzati con il volontariato e il non-profit, i fondi per la famiglia, per la non-autosufficienza, per l’infanzia, l’adolescenza e i giovani, per calmierare l’affitto e per il servizio civile.
Una situazione – ha commentato Pierpaolo Di Bello, presidente dell’Associazione di Volontariato “Karibuni” di Latiano (Br) – che peggiora scorrendo verso il basso la cartina geografica dell’Italia. Nel mezzogiorno i problemi si triplicano. E se prima il mondo del volontariato riusciva grazie alla sensibilità dei cittadini ad attingere linfa per le proprie attività dal 5x1000 , da oggi si dovranno rimodulare i programmi ed i progetti sul territorio. Saremo vicino comunque ai nostri Centri Servizio per il Volontariato per lavorare al loro fianco per limitare i “danni” ed evitare più possibile il tracollo del welfare territoriale e del terzo settore.
Ass. Volontariato Karibuni

sabato 9 ottobre 2010

Karibuni a Reggio Calabria per la Settimana Sociale dei Cattolici



Una Delegazione di "gesti concreti" del Progetto Policoro della Diocesi di Oria composta dal Consorzio di Cooperative Sociali "Nuvola" di Francavilla F., la Cooperativa Sociale "Il Melograno" di Ceglie M. e l'Associazione di Volontariato "Karibuni" di Latiano, saranno a Reggio Calabria per la 46° Settimana Sociale dei Cattolici Italiani quest'anno incentrata sul tema: " Cattolici nell'italia di oggi. un'agenda di speranza per il futuro del paese".

Karibuni presenterà nei giorni dei lavori il "Social Point" - sportello legale e sociale finanziato dal Movimento Lavoratori di Azione Cattolica , dal Progetto Policoro e dalla CEI.

"Quello che uscirà dalla Settimana sociale - ha commentato Pierpaolo Di Bello - Presidente dell'Associazione - Karibuni lo farà suo e lo svilupperà nel suo programma associativo 2011/2012. Il nostro paese, in particolare il mezzogiorno ha bisogno di quelle condizioni essenziali (culturali, politiche ed economiche) che possono riportarla in un percorso virtuoso di crescita. Un percorso che metta al "centro" il Lavoro".

mercoledì 22 settembre 2010

nasce il " SOCIAL POINT KARIBUNI"


Venerdì 24 settembre p.v. alle ore 17.00 presso il Laboratorio Urbano Bollenti Spiriti di Francavilla Fontana, sito in via suor Antonietta Zullino (adiacente all’istituto Sant’Orsola), l’Associazione di Volontariato Karibuni presenterà alla comunità locale il Social Point Karibuni, un luogo di ascolto, orientamento, consulenza ed accompagnamento.
Alla conferenza stampa prenderanno parte: Pierpaolo di Bello, presidente di Karibuni; Stefano Marra, referente regionale del MLAC – Movimento Lavoratori di Azione Cattolica; Maria Teresa Resta, presidente di Azione Cattolica della Diocesi di Oria; Chiara Carluccio, Animatrice di comunità del Progetto Policoro; Irene Milone, presidente del Consorzio Nuvola; Avv. Domenico Attanasi, presidente dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati di Brindisi; Mara Galasso, assistente sociale di Karibuni.

Il Social Point Karibuni offre alla comunità locale un luogo presso il quale è possibile ottenere gratuitamente informazioni personalizzate, in relazione a specifiche esigenze e, se necessario, un ulteriore supporto alla rete di aiuto e sostegno già erogato dai Servizi Sociali Territoriali, affinché sia assicurato l’accesso a tutte le possibili risorse e agenzie sociali.
Il servizio vuole essere una risposta al diritto dei cittadini a ricevere informazioni esatte, complete ed esaustive sull’insieme dei servizi, delle procedure per accedervi, delle prestazioni e delle normative per poter effettuare una libera scelta tra le risorse sociali disponibili sul territorio.

Social Point Karibuni nasce dal progetto presentato da un gruppo informale di giovani di Latiano, Francavilla F.na, Torre S. Susanna e Erchie al concorso “Lavoro e Pastorale” indetto dal Movimento Lavoratori Azione Cattolica lo scorso dicembre 2009, ottenendo un ottimo punteggio.
Il progetto ha come partner l’AIGA, Associazione Italiana Giovani Avvocati di Brindisi, la quale presta la disponibilità dei suoi iscritti a fornire consulenze informative e Nuvola Consorzio di cooperative sociali, il quale ha offerto la consulenza in fase di progettazione e la disponibilità di usufruire della sede.

Nel marzo 2010, il gruppo informale, ha fondato l’Associazione di Volontariato Karibuni, configurandosi come gesto concreto del Progetto Policoro della Diocesi di Oria.
Oggi l’Associazione Karibuni, spiega il presidente Pierpaolo di Bello, è già impegnata nell’ambito dell’immigrazione, ma vuole andare oltre con il suo sportello sociale. Vanta, infatti, uno staff di professionisti, tra cui il coordinatore del progetto, un’assistente sociale, un’interprete/traduttrice, una coordinatrice del gruppo legale, un’animatrice di comunità, due addetti contabili. Lo staff è impegnato nell’effettuazione di consulenze legali ed assistenza sociale ai destinatari del progetto, ovvero ai senza dimora, alle donne sole o con figli minori, agli immigrati, e più in generale, alle persone con bassi redditi.
L’obiettivo è quello di fornire informazioni sui servizi pubblici e sociali del territorio e diffondere tra i cittadini extracomunitari e non tutte le conoscenze atte a favorire l’integrazione.
Attraverso questo sportello è possibile dare informazioni sui servizi del territorio, supportare i cittadini meno abbienti nella gestione di pratiche amministrative, fornendo informazioni sul mondo della scuola, della formazione professionale e del lavoro.

Per maggiori informazioni sul Social Point Karibuni gli interessati troveranno degli opuscoli presso le parrocchie della Diocesi di Oria, le associazioni parrocchiali di Azione Cattolica, le Caritas e i Centri Sociali, o potranno contattare l’equipe al numero 380 172 93 83.

martedì 31 agosto 2010

CENTRO GIOVANILE BOLLENTI SPIRITI A FRANCAVILLA





Il Laboratorio Urbano Bollenti Spiriti è lieto di presentarsi finalmente alla città. L’Open Day è previsto per il 3 settembre prossimo, col taglio del nastro e i saluti da parte delle autorità e, a seguire, mostre, proiezioni e concerti.
Senza dimenticare l’anteprima del 2 settembre, quando artisti di strada e giocolieri animeranno il centro di Francavilla Fontana.
Il programma completo dell’Open Day:

3 settembre 2010
Ore 18
Saluti:
Vincenzo Della Corte - Sindaco di Francavilla Fontana
SE Mons Vincenzo Pisanello - Vescovo Diocesi di Oria

Interverranno:

Nichi Vendola - Presidente Regione Puglia
Nicola Fratoianni - Assessore Politiche Giovanili Regione Puglia
Cosimo Bungaro - Vicesindaco e Ass. Servizi Sociali Comune di Francavilla Fontana
Roberta Lopalco - Ass. Cittadinanza Urbana di Francavilla Fontana
Roberto Covolo - Staff BS Puglia
Irene Milone - Presidente Ente Gestore Consorzio Nuvola

19.30
Presentazione spot “In punta di piedi” a cura dello staff del Laboratorio Urbano
Spettacoli
Artisti di Strada
Mostre
Stand di associazioni

a seguire
concerto di
CONTRABBANDA BLITZ
JAZZABANNA
BASSOBORGO

info: www.consorzionuvola.it
0831 812082
laboratoriourbanobollentispiriti@consorzionuvola.it

Il Sindaco di Latiano incontra KARIBUNI



Alle 10 di Martedi 31 Agosto il Dott. Antonio De Giorgi, Sindaco della Città di Latiano ha incontrato nella residenza municipale l'Associazione "Karibuni" rappresentata per l'occasione dal Presidente Pierpaolo Di Bello e dal Vice-Presidente Matilde Gargaro.

Nel corso dell'incontro è stata presentata la compagine associativa e l'attività sinora svolta e i progetti, riguardante il territorio latianese, che sono in cantiere per il futuro. A breve Karibuni incontrerà la Prof. Ada Diviggiano, assessore ai servizi sociali del comune per proggettare alcuni servizi per la popolazione immigrata e ai cittadini meno ambienti.
Vi terremo aggiornati sul nostro blog degli sviluppi e delle iniziative che Karibuni attuerà con la Giunta latianese.

(nella foto: A. De Giorgi, Sindaco)

sabato 24 luglio 2010

S.E.Rev:ma Mons. Pisanello, Vescovo di Oria incontra KARIBUNI


COMUNICATO STAMPA
Nella giornata di Venerdi 23 luglio una delegazione dell’Associazione di Volontariato “Karibuni” di Latiano è stata ricevuta in udienza da S.E. Mons. Vincenzo Pisanello, vescovo della Diocesi di Oria. La compagine associativa è stata presentata al presule da CHIARA CARLUCCIO (animatrice di comunità del progetto policoro della Diocesi e socia fondatrice della stessa).
“Karibuni” , nata con l’apporto di “Nuvola Consorzio di Cooperative sociali” di Francavilla F.na nello scorso febbraio è un “ gesto concreto” del Progetto Policoro della Diocesi di Oria.
(Il Progetto Policoro è un organico della Chiesa Cattolica che tenta di offrire nuove opportunità e dare una risposta concreta per affrontare il problema della disoccupazione nel Sud-Italia.
L’idea nasce nel paese da cui il progetto prende nome, Policoro, in provincia di Matera, in cui si riuniscono i Vescovi dopo il III Convegno Ecclesiale di Palermo del 1995: si cerca una nuova chiesa accanto ai Giovani, estroversa, accogliente, capace del lavoro di squadra, missionaria.
I soggetti Promotori di questo progetto sono le tre Pastorali della Chiesa locale:
Servizio Nazionale Pastorale Giovanile, Ufficio per i problemi Sociali e del Lavoro, Caritas Italiana).
Durante l’incontro il presidente dell’Associazione , PIERPAOLO DI BELLO ha illustrato al Vescovo il resoconto del primo semestre di attività dell’Associazione: dal Progetto “Scuola & Solidarietà” promosso dal Centro Servizi per il Volontariato Poiesis di Brindisi, che ha portato Karibuni nelle Scuole Medie di Francavilla F. e di Villa Castelli per parlare di accoglienza e immigrazione; all’adesione come socio del Centro Nazionale per il Volontariato di Lucca, all’accreditamento presso il Comitato Consultivo Misto dell’Azienda Sanitaria Locale di Brindisi per mettere in piedi attraverso una rete di Associazioni un “tavolo Immigrazione”; inoltre è stato reso nota la partecipazione di Karibuni a diverse manifestazioni ed eventi tra cui : la raccolta di viveri presso gli ipermercati Auchan e Ipercoop per conto del Banco delle Opere di Carità, la partecipazione alla festa della solidarietà a Francavilla F.na e non per ultimo alla Festa “Cittadini del Mondo “ a Mesagne nell’ambito dell’Estate Mesagnese.
Inoltre è stato illustrato al Vescovo il progetto di consulenza legale vinto quest’anno dal gruppo in merito ai bandi di progettazione sociale del MLAC (Movimento Lavoratori di Azione Cattolica) nazionale in partenariato con l’AIGA (Associazione Italiana giovani Avvocati) di Brindisi che sarà presentato alla comunità diocesana nel prossimo settembre.

Al termine dell’incontro l’Associazione ha fatto omaggio a Mons. Pisanello di una Icona Sacra raffigurante San Barsanofio, Patrono di Oria e della Diocesi , opera della Prof. Giusy Baldari , responsabile dei laboratori artistici di Karibuni.

“Un incontro speciale – ha commentato Pierpaolo di Bello – con una persona speciale qual è il nostro Vescovo. Sono sicuro che la collaborazione tra Karibuni, Curia Diocesana e il nostro Progetto Policoro porterà buoni frutti per un’aiuto agli ultimi e alle povertà locali”.

sabato 19 giugno 2010

20 Giugno 2010 - Giornata Mondiale del Rifugiato


20 Giugno 2010 - Giornata Mondiale del Rifugiato - l'Associazione Karibuni promuove l'evento
Quest'anno l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) dedica la Giornata Mondiale del Rifugiato al tema della casa-patria. Home - Un luogo sicuro per ricominciare è un titolo che parla di radici strappate e di nuovi germogli in una terra diversa da quella di appartenenza; di gente sradicata dalla propria casa, e dalla propria patria, che la furia di guerre e persecuzioni ha trascinato lontano, in terra straniera; e del diritto di ricostruirsi una vita in sicurezza e dignità. "Affinchè questo accada, c'è bisogno di ‘home', -sostiene il Presidente dell'Associazione di Volontariato "Karibuni", Pierpaolo Di Bello- di una casa che diventi anche patria, di un luogo che accolga queste persone e conceda loro l'opportunità di riprendere il filo della vita, al riparo da minacce e violenze".

Karibuni, nata lo scorso febbraio è "partner" dell'Unhcr nel promuovere la Giornata del Rifugiato non solo il 20 Giugno ma anche nell'arco dell'anno. L'Associazione, infatti stà preparando per il mese di Settembre alcune iniziative sociali e culturali per parlare di Immigrazione e di nuove povertà,e dare vita
ad alcuni servizi sociali che vanno dall'assistenza legale gratuita alla promozione
della salute principalmente per le donne e i bambini.

Tra le iniziative a livello locale degna di nota per il 21 Giugno è quella dell' Associazione Babele
GROTTAGLIE (TA)
3388120817
associazione.babele@babele11.191.it
Programma: 21 giugno, serata a cura dell'Associazione Babele con
intervento dell'assessore ai servizi sociali, degustazione di dolci tipici
preparati dalle ospiti del centro di seconda accoglienza (rete
SPRAR), esibizione gruppo percussionisti e proiezione film.

martedì 18 maggio 2010

KARIBUNI aderisce all' AFRICAN DAY il 30 Maggio




Il 30 maggio 2010 insieme a Medici con l’Africa Cuamm
Esiste una sola razza e un solo mondo, un solo diritto di salute per tutti.

Niccolò Fabi, Niccolò Ammaniti, Mago Forest, Veronica Pivetti, Francesco Facchinetti e molti altri personaggi del mondo della cultura, della musica, dello sport si sono uniti a Medici con l’Africa Cuamm per dire che tutti abbiamo un fratello africano.

Il 30 maggio dalle 10:00 alle 19:00 festeggia con noi l’African Day nella piazza della tua città e partecipa all’evento “Mio fratello è Africano” :

- fatti scattare una foto con la maglietta “Mio fratello è Africano”: la foto verrà caricata nel nostro fotobook come segno di adesione alla campagna. Ma puoi farlo fin da ora, scopri come!

- partecipa a “Mani in Africa”: ci coloreremo di nero le mani per alzarle tutti assieme al cielo e lasciare le nostre impronte su una sagoma d’Africa.

per info: http://miofratelloafricano.it/

lunedì 17 maggio 2010

Organizzata dal CSV Brindisi la Festa della Solidarietà


SABATO 22 MAGGIO 2010
h 8.30>12.30
Francavilla F.na (Br) - Villa Comunale

una mattina con gioia
4A FESTA DELLA SOLIDARIETÀ
Studenti e Volontari in piazza

BANDA SCOLASTICA MUSICALE
(“S. Francesco d’Assisi” Francavilla F.na e “D. Alighieri” Villa Castelli)

DANZE E CANTI
DELLA TRADIZIONE POPOLARE DEL MONDO

LABORATORI DI CREATIVITÀ
Ceramica, argilla, aquiloni...

ANIMAZIONE LUDICA
giocattoli della tradizione popolare e giochi di gruppo
MOSTRE FOTOGRAFICHE E VIDEO
Le esperienze più significative del Volontariato

sabato 10 aprile 2010

Karibuni incontra il PP delle Diocesi di Puglia

Oria- Sabato 10 Aprile, presso i Padri Rogazionisti , in occasione della Formazione degli Animatori di comunità del Progetto Policoro delle Diocesi della Puglia, Karibuni è stata invitata a presentarsi come "gesto concreto" della Diocesi di Oria. Presenti il nostro presidente Pierpaolo Di Bello, la nostra vice Matilde Gargaro e la consigliera del C.D. e animatrice di comunità della nostra Diocesi Chiara Carluccio e il Presidente del Consorzio Nuvola Irene Milone.
E' stato un bel momento di crescita e di costruzione di reti solidali, che, con l'impegno di tutti daranno sicuramente i loro frutti.

sabato 27 marzo 2010

Karibuni a Scuola. Dopo Villa Castelli Francavilla Fontana












Dopo la Scuola Media "Alighieri" di Villa Castelli, Karibuni ha incontrato due terze della Scuola Media S. Francesco d'Assisi di Francavilla F.na. Il nostro Ibraim ha incantato letteralmente i ragazzi . Gli appuntamenti continueranno dopo le festività pasquali.

lunedì 22 marzo 2010

Karibuni incontra la Scuola ....

Martedi 23 Marzo - Nell'ambito del Progetto "Scuola e Solidarietà" a cura del CENTRO SERVIZI per il VOLONTARIATO - Poiesis di Brindisi, KARIBUNI sarà insieme agli studenti della 3a e della 3e della Scuola Media "Alighieri" di Villa Castelli per parlare di immigrazione , razzismo e presentare l'Associazione.Questo è il primo appuntamento a cui seguiranno altri, in quanto Karibuni vuole investire molto sulla scuola per preparare un futuro per le nuove generazioni più accogliente e meno razzista.

sabato 20 febbraio 2010

E' nata Karibuni



LATIANO - Il 19 Febbraio 2010 sarà una data storica. E' nata ufficialmente l'Associazione di Volontariato "Karibuni". Gesto concreto promosso dal Progetto Policoro della Diocesi di Oria e sostenuto dal Consorzio di Coop. Sociali Nuvola di Francavilla.
Tra le principali finalità:


A) DIRITTI CIVILI
1) promuovere iniziative per favorire l’inserimento e l’integrazione di persone provenienti da paesi stranieri, apolidi e rifugiati politici presenti nella provincia di Brindisi o comunque nel territorio regionale pugliese;
2) accogliere temporaneamente cittadini immigrati sostenendoli nella ricerca di autonomia e integrazione;
3) accogliere con un tempo prolungato, cittadini immigrati in difficoltà con problemi di inserimento sul territorio e quindi di divenire punto di riferimento per tutti gli immigrati che non hanno la possibilità di gestirsi autonomamente;
4) accogliere donne italiane ed immigrate in difficoltà, sole o con bambini;
5) aiutare nella ricerca di un lavoro e di un alloggio;
6) essere di sostegno per il disbrigo di tutte le pratiche burocratiche inerenti il soggiorno in Italia di persone straniere;
7) Indire ed erogare:
– Corsi di alfabettizzazione per l’insegnamento della lingua italiana;
– Corsi di formazione di vario tipo e livello;
– Laboratori professionali(es.: pittura, scultura, decorazione, falegnameria, restauro ecc);
– Corsi d’informatica;
8) divulgare e sensibilizzare nelle scuole, negli oratori o in altre associazioni di volontariato sui temi dell’immigrazione; organizzare attività di socializzazione con incontri sportivi, feste dei popoli mostre d’arte proiezioni ecc.;
9) informare tramite un periodico e un sito internet sulle attività associative e sulle problematiche dell’immigrazione;
10) Promuovere insieme alle realtà di natura religiosa attività di accoglienza, di condivisione e di dialogo interreligioso. Organizzare incontri ecumenici di preghiera e collaborare a titolo esemplificativo e non esaustivo, con gli uffici di Pastorale Sociale, Caritas, pastorale giovanile e Migrantes della Diocesi, e della Conferenza Episcopale.
11) progetti di cooperazione internazionale;
12) progetti che favoriscono l’associazionismo familiare; Sostegno a famiglie affidatarie e adottive;
13) organizzare campi di lavoro e di conoscenza in Italia e all’estero; nonchè altre attività utili a perseguire gli scopi e le finalità dell’associazione.

B) ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO SANITARIA
1) organizzare servizi sociali ed assistenziali, anche domiciliari, per il sostegno a cittadini anziani, diversamente abili, dializzati immigrati e comunque in condizioni anche temporanee di difficoltà;
2) promuovere ed organizzare la solidarietà sui problemi della solitudine e del dolore, istituendo anche specifici servizi;
3) creare e/o gestire centri ricreativi e/o sociali e di iniziative ricreative e/o sociali finalizzate all’animazione del tempo libero di anziani (es. Centri diurni), bambini (es. Ludoteche) giovani (es. Centri Giovanili\oratori)e immigrati;
4) creare e/o gestire servizi di assistenza sociale e di formazione extra-scolastica nei confronti di uomini e donne svantaggiati in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, etniche , sociali o familiari:
5) organizzare la formazione del volontariato;
6) creare delle sezioni di carattere storico, sportivo, ricreativo, turistico, fiscale, medico scentifico e per tutto quello oggi non prevedibile, ma comunque socialmente utile;
7) promuovere iniziative di informazione e formazione sanitaria e di prevenzione della salute nei suoi vari aspetti sanitari e sociali; la ricerca medico scentifica; la donazione di sangue e organi;
8) promuovere e/o gestire e organizzare:
– Servizi di diagnostica medico sanitario;
– Servizi sanitari ad ammalati e feriti a mezzo di auto ambulanza;
– Servizi di emergenza sanitaria (118).

i soci fondatori:
1) ALTAVILLA ILARIA
2) BALDARI GIUSEPPINA
3) CALO’ JACQUELINE
4) CARLUCCIO CHIARA
5) DI BELLO PIERPAOLO
6) DI COSTE CARMINE
7) GALASSO MARIA DELLA CROCE
8) GARGARO MATILDE
9) PINTO ANNA
10) TAMBURRANO ANNA ROSA

hanno designato per il triennio 2010-2012 : Pierpaolo Di Bello Presidente, Matilde Gargaro Vice-presidente, Anna Rosa Tamburrano, Jacqueline Calò e Chiara Carluccio Consiglieri.

sabato 23 gennaio 2010

La Diocesi di Oria ha un nuovo vescovo: è mons. Vincenzo Pisanello‎


L'Associazione di Volontariato Karibuni, gesto concreto del Progetto Policoro della Diocesi di Oria, è lieta di annunciale che il Santo Padre ha nominato il nuovo Vescovo diocesano nella persona di MONS. VINCENZO SALVATORE PISANELLO , 51 anni, proveniente dalla Diocesi di Otranto. Agli auguri e alla preghiera al nuovo presule ci impegnamo a dare, come abbiamo fatto fino ad oggi, la nostra collaborazione nella Pastorale Diocesana. Ad multos anno Mons. Vincenzo !!!!!!!!!!!!!1

Karibuni
Associazione di Volontariato
Latiano

mercoledì 20 gennaio 2010

Terremoto Haiti, il 24 gennaio raccolta straordinaria in tutte le chiese d'Italia indetta dalla Presidenza della CEI


L’immane tragedia che in queste ore ha colpito la popolazione di Haiti provocando decine di migliaia di morti chiama tutti alla solidarietà per venire incontro ai bisogni più immediati. Pertanto, raccogliendo l’accorato invito del Santo Padre, domenica 24 gennaio 2010 in tutte le chiese d’Italia si terrà una raccolta straordinaria indetta dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto nell’isola caraibica.

martedì 12 gennaio 2010

Rosarno... un paese come tanti




Rosarno... un paese come tanti
Lavoro nero, braccia che cominciano a lavorare all’alba e si fermano al tramonto, se non c’è la luna piena, senza nessuna tutela e con una retribuzione che definirla misera è gia troppo. Silos, cisterne, vecchi capannoni con dentro 20,30,50 100 persone stipati nella ricerca di un posto per dormire. Questa è la realtà degli immigrati a Rosarno, e in tanti altri posti d’Italia. Una realtà che tutti conoscono da anni. Lo sfruttamento di queste persone è opera di pochi, della criminalità organizzata, ma è tollerata e accettata da tanti, tutti. Le forze dell’ordine fanno il loro dovere, la Chiesa fa le sue omelie, la gente del posto, non solo di Rosarno, ma di ogni posto continua il suo vivere quotidiano senza curarsi di quello che accade a pochi metri di distanza, e la politica… gia i politici si ricordano di questi poveretti solo in campagna elettorale nell’usarli, nell’uno o nell’altro verso, solo per accaparrarsi voti, ma nulla fanno per loro.

Poi, un brutto giorno, ci si scopre in guerra. Alcuni extracomunitari vengono pestati, la rabbia che cova da anni monta in rivolta e a farne le spese sono, probabilmente, non gli sfruttatori ma il cittadino comune. Tutte le testate dei giornali e dei telegiornali si occupano della cosa, c’è chi si indigna, chi è sgomento, chi prova a cimentarsi nello stabilire di chi sia la colpa, perfino il capo dello Stato chiede un intervento di pacificazione.

Gli extracomunitari sono stati fatti tutti sgombrare, li hanno portati, volontariamente, in altri posti. La gente del posto tira un sospiro di sollievo è invoca il pagamento dei danni subiti. Ma è davvero finita? Tra qualche giorno le telecamere e i microfoni scompariranno, si spegneranno le luci su questa vicenda e… vissero tutti felici e contenti. Purtroppo però questa non è una favola: primo perchè in altri posti della nostra bella Italia qualcosa di simile si sta già vivendo; secondo perché gli extracomunitari se ne sono andati ma la criminalità organizzata è ancora lì a dettare legge e a ricominciare un altro ciclo di sfruttamento; terzo perchè con molta probabilità le forze dell’ordine, i cittadini e i politici ricominceranno il loro tran tran quotidiano aspettando nuovi riflettori.

Morale della favola, per non dover gestire nuovi eventi di guerra e ricercare armistizi sarebbe meglio costruire la pace cercando di eliminare alla base i focolai. I lavoratori in generale, extracomunitari o italiani, devono avere pari dignità, lavorare il giusto e avere la giusta retribuzione.

Tutte le autorità competenti dovrebbero vigilare e operare perché questo accada. Noi viviamo in un contesto dove si campa di lavoro nero e si muore di disoccupazione, quella che è accaduta è stata una guerra tra poveri. Il mio parere è che in questa storia non ci sono stati vincitori e vinti ma solo sconfitti, tutti quegli immigrati che si erano guadagnato in quella località un sogno di vita normale, tutti i rosarnesi che onestamente avevano legato con queste persone e ora gli mancheranno, i vincitori come sempre non sono sotto i riflettori, restano nell’ombra a godere, anche economicamente, delle disgrazie altrui.

Pasquale Andidero
Incaricato Mlac Calabria