venerdì 12 ottobre 2012

Finanziato il progetto In Media Res

Sul sito della fondazione Con il Sud http://www.fondazioneconilsud.it/ è stato pubblicato l'elenco delle 91 iniziative finanziate a valere sul bando "Sostegno a programmi e reti di volontariato 2011". Il progetto IN MEDIA RES (INtegrazione MEDIAzione REte Sud) è stato presentato dalla partnership Barvinok, Associazione della Comunità Ucraina in Sardegna (capofila), Foudu Dia C.A.R.A., Arcoiris Onlus, Labint (Laboratorio interculturale per l'integrazione), Africa e Mediterraneo, Integra solidale, Karibuni e Mediterraneo che hanno costituito una rete tra associazioni che operano nel campo dell'immigrazione nelle regioni Sardegna, Puglia e Basilicata. La rete è stata costruita sulla base di una visione comune, tra associazioni di piccola scala che lavorano per l’integrazione degli immigrati in contesti territoriali di piccola e media dimensione. Il coinvolgimento di attori di piccola scala presenta numerosi vantaggi. Oltre al fatto che possiedono un’expertise particolare e una conoscenza specifica del contesto (bisogni locali, aspettative,partecipazione comunitaria) hanno maturato relazioni fiduciarie con i destinatari finali e interazioni positive con le istituzioni locali e la società civile. Il valore aggiunto è quindi rappresentato dalla qualità delle relazioni che le associazioni della rete intrattengono con il loro contesto locale. Ciò si comprende meglio con la nozione di “prossimità”,che indica in quale misura gli attori sono vicini all’ambito di intervento e tra loro. La strategia è basata sulla attivazione di metodologie che implicano un approccio bottom up e partecipativo, attraverso lo sviluppo della comunicazione in rete. Altro elemento importante è la titolarità condivisa, che significa anche reciprocità. Relazioni tra pari, fuori dalla logica dell’assistenza, dove c’è uno superiore che insegna ed altri che imparano. Quindi, visione comune, sviluppo di azioni condivise, sussidiarietà orizzontale, e programma di sostegno inteso come strumento per consolidare attività interculturali, inserite in un processo relazionale di conoscenza,rispetto, riconoscimento di pari dignità, fiducia e dialogo tra pari.
“ La politica del “fare Rete” ha premiato ancora – ha commentato Pierpaolo Di Bello, Presidente dell’Associazione Karibuni , partner pugliese del Progetto Interregionale – e ci permette , nonostante il periodo di crisi, di avere importati finanziamenti per le nostre iniziative sociali a favore degli immigrati e delle professionalità che lavorano in questo campo".

Nessun commento:

Posta un commento